Chi tardi arriva, male cucina

La brigata rossa, uscita sconfitta dalla prova di squadra, deve affrontare adesso una sfida individuale che decreterà la donna che rischierà di abbandonare per sempre la cucina di Hell’s Kitchen

Le 7 donne, come spiega loro Chef Carlo Cracco, dovranno correre verso un bancone sul quale ci sono 28 diversi ingredienti, 4 per ognuno dei membri della squadra: dovranno letteralmente sgomitare per accaparrarsi per prime l’ingrediente desiderato, poggiarlo sulla propria postazione e dirigersi nuovamente verso il bancone, sperando di soffiare un altro ingrediente alle proprie compagne di brigata, per poi comporre un piatto.

Dallo scontro tra Enza ed Erika esce sconfitta quest’ultima, che non riesce a impossessarsi della gallinella, dovendosi quindi accontentare di ingredienti indesiderati: la carne e la cannella; Monica, invece, adocchia subito il topinambur e riesce a farlo suo con molta soddisfazione, al contrario di Federica, fanalino di coda della corsa, che raccoglie l’ossobuco

Proprio quando le cuoche iniziano a immaginare a un piatto con gli ingredienti a disposizione, ecco che Chef Carlo Cracco rimischia le carte in tavola, o, per essere più precisi, rimischia gli ingredienti in postazione: ogni componente della squadra dovrà scambiare una propria scelta con quella di una compagna.

Enza sceglie di liberarsi del polline, scambiandolo con i fiori di zucca di Natascha, che a sua volta cede l’agar agar a Monica, non sapendo come utilizzarlo, in cambio del cavolo nero; Marta lascia la paglia a Margherita in favore dei gamberi. Proprio Margherita, in cerca di dare colore al suo piatto, rinuncia alla bottarga, andando a pescare i tanto ambiti fiori di zucca da Enza. Federica cede l’ultimo ingrediente malcapitatole, l’ossobuco, a Marta, in cambio dei gamberi; Erika, in piena crisi, si gioca la carta del rischio, andando a prendere il polline in cambio della sua cannella

Con poco tempo a disposizione e le idee ancora meno chiare, complice questo scambio di ingredienti, le donne si mettono all’opera: Erika non ha idea di come cucinare il polline, ma ha voluto osare per dare colore al suo piatto; Monica vuole cucinare il suo amato topinambur in tre salse diverse, mentre Enza opta per un semplice carpaccio di gallinelle per non maneggiare troppo l’ingrediente tanto amato.

La fretta con cui Federica ha impattato è lampante agli occhi dello Chef Cracco e il cerchio di fuoco per la leonessa di Hell’s Kitchen è inevitabile. Marta, Erika e Natascha superano indenni il giudizio di Carlo Cracco, mentre il “topinambur ai Caraibi" di Monica salva la leonessa di Foggia dal rischio eliminazione, prendendo il suo posto nel cerchio infuocato. Margherita convince con la sua  “quaglia Matteo”, il carpaccio di gallinella di Enza la espone al rischio di essere scelta come peggiore per la banalità del piatto, riuscendo però a scamparla. 

Monica ottiene così la spilletta nera del peggiore e resterà congelata fino a fine puntata, in attesa di scontrarsi con un elemento della brigata che uscirà sconfitta dal servizio di oggi.

Copyright © 2013 Sky Italia - P.IVA 04619241005